La tua famiglia in rete

Sfruttare appieno le potenzialità di condivisione e apprendimento che ci offre Internet è un privilegio. Proteggere le nostre famiglie dalle insidie del mondo online è una necessità e un dovere.


Lascia un commento

E’ nato #natiperNavigare

Duecentodiciotto pagine, quarantunomilasettecentonovantasei parole e tante, tantissime notti di scrittura creativa.

Finalmente ci siamo: dopo cinque anni di volontariato, con emozionanti incontri, appassionanti interazioni ed un percorso creato con bimbi, adolescenti, genitori ed insegnanti nasce #natiperNavigare.

Un libro di carta e un e-book per impostare un sano discorso educativo adatto per i tempi moderni, restare sempre al passo con le ultime novità tecnologiche e soprattutto con le modalità migliori per mettere al sicuro i bimbi e gli adolescenti anche nella vita virtuale su Internet.

Sfruttare appieno le potenzialità di condivisione e apprendimento che ci offre la rete Internet è un privilegio, proteggere la nostra famiglia dalle insidie del mondo online è una necessità.

Con #natiperNavigare ti spiego come.

 

Clicca QUI o la copertina sotto per saperne di più.

#natiperNavigare


1 Commento

Un Nintendo DS, DSLite, DSi, DSi XL, 3DS in modalità protetta

La console portatile Nintendo DS con i suoi 155 milioni di pezzi venduti nelle sue più diverse espressioni – Nintendo DS, Nintendo DSLite, Nintendo DSi, Nintendo DSi XL, Nintendo 3DS – è la la console per videogiochi più venduta della storia. La prima versione è stata presentata nel 2004.

Anche il Nintendo può essere un veicolo di potenziale insicurezza verso la grande rete ed è per questo che esistono una serie di opzioni per configurarlo in modalità “protetta”.

Parliamo del cosidetto Filtro Famiglia.

L’opzione Filtro Famiglia di Nintendo ti consente di impedire che i tuoi ragazzi utilizzino alcune delle funzioni della console, come ad esempio l’accesso a Internet o la condivisione di contenuti.

Non esiste un vero e proprio sistema di parental control, ma semplicemente la possibilità di attivare o disattivare le funzionalità di navigazione: se fornisci l’accesso a Internet non è possibile impostare alcun filtro che impedisca di andare su alcuni siti piuttosto che altri.

Il consiglio è quello di disabilitare la funzionalità di Internet, etichettandola come una esperienza “povera” e obbligando i ragazzi a usare sistemi più evoluti come i PC o i tablet, che possono quindi essere monitorati.

Per impostare il Filtro Famiglia parti dalla schermata di Home, tocca Impostazioni e scorri fino alla terza pagina. Seleziona l’opzione Filtro Famiglia.

La procedura guidata inizialmente ti spiegherà come impostare il filtro, poi ti chiederà un codice pin di 4 cifre.

Ti verrà richiesto di inserire nuovamente il codice per verifica.

Dovrai anche selezionare una domanda segreta da un elenco e digitare una risposta – essa verrà usata qualora non ricordassi più il codice pin.

Potrai quindi decidere se limitare l’accesso ai giochi appartenenti ad una certa fascia di età. Scorri le opzioni finchè la classificazione in base all’età è appropriata: i giochi che hanno una classificazione per una età maggiore non potranno essere abilitati, a meno che non venga inserito il pin.

Inoltre scorrendo le opzioni successive potrai decidere se abilitare i messaggi Pictochat (invio e ricezione di messaggi e disegni da altri utenti), il download DS (la possibilità di giocare con più utenti nelle vicinanze fisiche, utilizzando solo una cartuccia di gioco), l’accesso al Nintendo Shop, il browser nintendo DSi (che permette, tramite una versione del browser Opera, di navigare liberamente su Internet) e l’accesso ai contenuti personalizzati degli utenti.

Nella console Nintendo 3DS è anche possibile impostare la visualizzazione della console in modo che sia possibile utilizzare la modalità 2d, invece di quella 3d.

Una volta abilitato il Filtro Famiglia anche il menù di configurazione della connessione a Internet, che trovi sempre tra le voci del menù Impostazioni, sarà protetto dal codice pin.

Pochi semplici passi per fare in modo che i nostri ragazzi non cadano in trappole potenzialmente pericolose con il loro dispositivo portatile!


Lascia un commento

Twitter e la brevità in tempo reale

Twitter è un servizio gratuito di social network e microblogging e nonostante sia stato creato relativamente di recente (nel marzo 2006) è diventato estremamente popolare per la sua semplicità ed immediatezza di utilizzo.

Il nome “Twitter” deriva dal verbo inglese tweet che significa “cinguettare”.

Twitter fornisce ai suoi utenti una pagina personale che mostra i loro messaggi di testo con una originalissima caratteristica: la loro lunghezza non supera i 140 caratteri.LaTuaFamigliaInRete-Twitter_logo
Questi messaggi di testo si chiamano tweet.

I tweet sono rigorosamemente mostrati in ordine cronologico rispetto all’orario di invio e sono generalmente inoltrati in tempo reale dall’infrastuttura informatica che li distribuisce complice la loro semplicità e leggerezza.

Twitter è stato creato per facilitare le comunicazioni di massa, ed è la perfetta incarnazione del social network popolare senza alcun occhio di riguardo alla privacy.
Tuttavia, è inutile negare il fatto che milioni di persone lo usino, gli hashtag (idea di Twitter)  imperversano perfino nelle riviste cartacee e indubbiamente questo connubio di brevità e tempo reale affascina.
I tuoi ragazzi non ne sono certamente immuni.

Ci sono due punti di attenzione da sottolineare: il primo riguarda la ricerca, sia libera che di hashtag, effettuata tramite il campo Ricerca di Twitter: i sistemi tradizionali di parental control non sono in grado di filtrare e controllare le ricerche, che sono quindi libere e potenzialmente selvagge. Spiega proattivamente ai tuoi ragazzi di stare attenti a cosa cercano e rassicura loro che qualora dovessero trovare qualcosa che li mette a disagio, tu ci sarai per aiutarli.

Sappi che è possibile inibire la visualizzazione di contenuti multimediali che possano contenere materiali sensibili.

Il secondo punto di attenzione è quello relativo al mettersi nei guai per aver postato qualcosa di inappropriato. Per proteggere i tuoi ragazzi in tal senso chiedi a loro di attivarsi in questi due ambiti:

  • disabilitare la funzionalità di geolocalizzazione dei tweet,
  • proteggere i profili dalla visione pubblica, fornendo l’approvazione di accesso ai contenuti solo agli utenti che conoscono

Questo secondo punto potrebbe essere un po’ più difficile da implementare – giudica tu la maturità del tuo ragazzo, e nel caso non la dovessi ritenere sufficiente non esitare a mettere la regola del profilo privato; avrai sempre l’opportunità di rilassare questo vincolo con il passare del tempo.

Puoi gestire tutto ciò cambiando le impostazioni del profilo dell’account di tuo figlio, spuntando le caselle rilevanti:

LaTuaFamigliaInRete-twitter

Ovviamente non c’è modo di proteggere la configurazione di cui sopra – qualsiasi ragazzino minimamente smaliziato potrà riportare la configurazione ai valori più permissivi non appena girerai la testa. Una verifica regolare sulla geolocalizzazione e sulla protezione dei suoi tweet sarà sufficiente per rimanere tutti sereni.

Pochi sono gli strumenti per rendere Twitter sicuro, perché è un sistema creato per la condivisione estrema e veloce delle informazioni e non è stato pensato per i più piccoli.

Inoltre, all’inizio del 2013 Twitter ha rilasciato Vine, una app che permette di registrare brevi video della durata massima di 6 secondi e di postarli su Twitter. Inutile dire che il mezzo è stato fin da subito utilizzato per far circolare brevi video pornografici, violenti e maleducati (espressamente non proibiti dai termini di utilizzo dell’app), tanto che lo stesso Apple Store ha etichettato questa app limitandone il donwload ai maggiori di anni 17.

Una ricerca di hashtag quali #porn o #sex in Twitter rivela una combinazione di messaggi di 140 caratteri e video di Vine. Anche qui dovreste parlarne con i vostri ragazzi.

Ancora una volta il miglior consiglio è di conoscere il nemico e di spiegarlo ai tuoi ragazzi. Crea un account e studia le dinamiche del mezzo, esplora i trend più popolari del momento, cerca hashtag particolari e educa i tuoi ragazzi a postare educatamente e in modo da non ledere la loro reputazione.

Sereni tuit a tutti !


1 Commento

L’angolo dei bambini

Immagino che anche voi, come me, abbiate visto molte volte dei genitori, distratti dalla chiacchiera con amici in un ristorante, cedere alle insistenze della noia dei più piccoli e porgere loro un cellulare.

I loro figli potrebbero però usarlo in modo improprio: non solo esplorando la mail di lavoro, utilizzando una App non appropriata e curiosando nella history di navigazione web. Potrebbero addirittura modificare la configurazione del cellulare.

Ebbene, questi scenari tanto terribili quanto possibili sono un ricordo del passato. Ma prima della soluzione, una ulteriore complicazione: il cellulare sarebbe molto probabilmente anche connesso alla rete.

Eppure, più l’utilizzatore è giovane, più il fascino di un telefonino non è rappresentato dal contenuto cui esso può abilitare, piuttosto semplicemente dall’uso dello stesso.

Se si potesse dare ai bambini un telefono, o meglio il telefono del papà, con un ambiente esclusivo, sarebbe meglio per i grandi e decisamente più divertente per i piccoli.

Questa possibilità esiste e si chiama l’angolo dei bambini (Kid’s Corner). E’ montata a bordo di tutti i Windows Phone 8.

Si tratta di un ambiente separato dedicato appunto ai più piccoli, e che è completamente configurabile dai genitori: puoi scegliere quali applicazioni, quali video, quali canzoni e quali App mostrare. Anche i piccoli utenti possono fare la loro parte scegliendo una foto di sfondo, un colore e udite udite – il loro nome!

LaTuaFamigliaInRete-kidscorner8

La funzionalità di parental control dell’angolo dei bambini si attiva quando l’utente scorre la schermata di blocco da destra verso sinistra: un gesto semplice prima di lasciare in mani innocenti l’oggetto del desiderio.

Per abilitare e configurare l’angolo dei bambini procedi come segue:

Occorre innanzi tutto abilitare la funzionalità stessa. Vai nel menù impostazioni, e accendi la funzionalità toccando l’opzione angolo dei bambini:

LaTuaFamigliaInRete-kidscorner1

Verrai così trasportato nel menù di configurazione, dal quale potrai decidere quali elementi attivare nell’angolo del bambino:

LaTuaFamigliaInRete-kidscorner2

Hai quindi la possibilità di aggiungere elementi a ciascuna delle quattro sezioni presenti –  Giochi, Musica, Video e App.

Selezionale una ad una e vedrai che si attiverà un sottomenù in grado di mostrare gli elementi già presenti sul telefono, e che ti darà la possibilità di attivare o disattivare gli stessi. Gli elementi attivi verranno esposti nell’angolo dei bambini.

Di seguito trovi una schermata di esempio per abilitare le App:

LaTuaFamigliaInRete-kidscorner3

Tocca tutte quelle che vuoi che appaiano: un tick a fianco di quelle selezionate lo
confermerà.

Una volta confermate le selezioni ritornerai alla schermata con l’elenco delle quattro sezioni.

E’ anche possibile aggiungere direttamente specifici elementi, semplicemente tenendo premuto l’elemento stesso e selezionando aggiungi all’angolo dei bambini:

LaTuaFamigliaInRete-kidscorner7

Infine non dimenticarti di creare una password per il tuo account principale, in modo che il tuo bambino non possa modificare le impostazioni.

Attenzione che non esiste una gestione delle App per account o configurazioni multiple. Prendiamo l’esempio di una App di Twitter, che tu avrai pazientemente configurato dal profilo principale con le tue credenziali. Ebbene, pubblicandola nell’angolo dei bambini essa si porterà dietro anche la tua configurazione: il tuo bambino avrà accesso al tuo account di Twitter, non al suo. Se lo modificherà, modificherà anche il tuo perché in realtà la App è la medesima per entrambi gli account.

Se hai la necessità di esporre una App che utilizzi un account di tuo figlio, ti consigliamo di scaricare una App alternativa a quella che usi nel tuo profilo, di configurarla con il suo account e di pubblicarla nell’angolo dei bambini.

Attenzione: alcune App come Intenet Explorer o gli account di email non sono pubblicabili nell’angolo dei bambini.

 

Una volta configurato il tutto sarà semplice accedere all’angolo dei bambini dalla schermata di blocco, scorrendo verso sinistra:

LaTuaFamigliaInRete-kidscorner4

A questo punto il tuo bambino sarà in grado di vedere e utilizzare solo gli elementi che gli hai autorizzato. Avrà inoltre accesso ad un minimale menù di personalizzazione:

LaTuaFamigliaInRete-kidscorner6  LaTuaFamigliaInRete-kidscorner5

A nostro avviso l’angolo dei bambini è vincente – non avere quindi alcun timore a dare in mano ai più piccoli il tuo smartphone!