La tua famiglia in rete

Sfruttare appieno le potenzialità di condivisione e apprendimento che ci offre Internet è un privilegio. Proteggere le nostre famiglie dalle insidie del mondo online è una necessità e un dovere.


Lascia un commento

Nessuno tocchi i selfies: ecco perché fanno bene all’umore e all’autostima

Se hai uno smartphone o frequenti Facebook probabilmente hai sentito parlare della parola selfie.
Ci sono molte opinioni discordanti, ed io lo ammetto: sto per dirti che non rappresentano la fine della specie umana.
Sul serio, i selfies possono anche essere una cosa positiva.

A detta degli esperti dell’Oxford Dictionary, nel 2013 l’utilizzo della parola selfie è cresciuto del diciassettemila percento, tanto da valergli il titolo di parola più nuova e dirompente.
Di cosa si tratta?

Quando parliamo di selfie intendiamo una fotografia fatta a sé stessi, solitamente scattata con uno smartphone o una webcam e poi condivisa su un social network.

I nostri figli ne sono maestri e artisti: foto appena usciti dall’ascensore, mentre mangiano, quando sono in compagnia, durante lo sport. Foto fatte per immortalare, per fermare l’attimo, per ricordare l’emozione.
Soprattutto, foto delle espressioni dei loro volti.

Selfie on the Bridge

I ragazzi della Generazione Y (i nati tra il 1980 e i primi anni 2000) sono spesso criticati perché costantemente assorti nello schermo di un computer o di uno smartphone. I giudizi si fanno ancora più negativi quando si parla di selfies: si dice che la colpa del fatto che i ragazzi di oggi tendano così spesso a pubblicare i propri autoritratti ricada nei genitori della Generazione X (i nati dal 1960 al 1980), che hanno nel tempo creato dei piccoli mostri di autostima e autoreferenzialità.
Certamente ai genitori delle generazioni odierne è stato insegnato che l’autostima è un valore importante da condividere con i propri figli, ma questo non può essere l’unico motivo della corsa all’autoscatto.
La verità è che i ragazzi di oggi stanno crescendo in un mondo dove la tecnologia si rinnova con un ritmo incredibilmente alto e soprattutto sta diventando sempre più diffusa.
Una volta i nobili si facevano ritrarre nei dipinti: una pratica riservata a pochi facoltosi. Immagina se avessero avuto a disposizione uno smartphone!
La verità è che i ragazzi di oggi si fanno tante foto e le condividono perché ciò non è mai stato così semplice e alla portata di tutti.

Eppure noi genitori non comprendiamo questo fenomeno appieno. Il motivo per cui non ne condividiamo la mania è duplice.
Tanto per cominciare abbiamo un concetto di privacy molto diverso e per definizione non siamo quindi propensi ad alimentare questo stillicidio di narcisismo in pubblico.
Inoltre, siamo cresciuti in un mondo dove se c’era qualcuno che ci piaceva dovevamo aspettare di vederlo dal vivo: non avevamo accesso alle sue immagini come e quando volevamo. Allora non c’era la tecnologia per farlo, ma è proprio questo il punto: non era previsto, neanche nella sfera dell’immaginario.
In poche parole, non è cosa nostra.

D’altra parte è pienamente cosa loro.

E’ normale quindi che la prima reazione nel sapere che tuo figlio si fotografa e si posta così liberamente sulla rete possa essere di tremendo orrore e totale disapprovazione, ma non devi temere perché non tutti i selfie sono necessariamente da temere, anzi potrebbero anche presentare aspetti positivi.

I selfie sono una nuova espressione delle personalità dei giovani di oggi, un complemento alla loro comunicazione multi canale. Mai sentito parlare delle immagini che valgono più di mille parole?
Ecco, stiamo esattamente parlando di questo: il caro amico ti scrivo di una volta è diventato il caro amico ti dico come mi sento con un’immagine di oggi, e non rappresenta necessariamente un continuo e sterile atto di narcisismo.

Un adolescente con un grave problema di obesità ha recentemente dichiarato che il gesto di documentare in pubblico i risultati della sua dieta ferrea aumentava in lui la responsabilità e l’impegno nei confronti del percorso che aveva intrapreso, con il risultato che riusciva meglio a perseguire nell’intento. Nonostante la maggior parte dei follower fossero a lui sconosciuti, ovviamente.

Spesso gli autoscatti spensierati rappresentano una semplice testimonianza del fatto che non sia necessario essere perfetti come ad esempio i falsi personaggi del mondo dello spettacolo, ma che possiamo ugualmente divertirci condividendo emozioni da protagonisti.

Alcuni ragazzi poi sviluppano una migliore confidenza e padronanza di sé ricevendo conferme e incoraggiamento da parte degli altri, anche sotto forma di semplici “mi piace”: grazie alla tecnologia possono oggi fotografarsi ripetutamente, correggendo smorfie, posture e illuminazione all’infinito, ottenendo esattamente il risultato estetico che desiderano; avendo il controllo totale sul prodotto finito le foto pubblicate sono per definizione quelle che loro approvano. Tipicamente la pubblicazione di un selfie genera un treno di commenti positivi, che quindi alimenta la loro autostima.
Per contro, è anche necessario valutare gli effetti dell’abitudine alla celebrazione certa di una simile pratica: non ricevere un like per un selfie potrebbe portare ad un disagio.

Nella maggior parte dei casi i selfie degli adolescenti rappresentano modalità dello sviluppo della personalità: la voglia di esprimersi, l’impeto di farsi conoscere ed espandere le proprie cerchie.
Per noi genitori tale fenomeno è una preziosissima opportunità in quanto è un po’ come se ci fosse dato il privilegio di osservare i nostri figli attraverso una finestra: siate pronti a trovare scene ed emozioni ordinarie o speciali, ma perfettamente lecite, non solo ragazze sdraiate sul letto, sguardi ammiccanti e pose sexy.

Certo, occorre vigilare che queste prove di trasmissione non degenerino, ma tieni presente che in genere il fattore principale è la ricerca di un segno di approvazione altrui. Spesso lo scopo ultimo non è quello di comunicare gioia o tristezza, o di varcare la soglia della decenza, bensì quello di guadagnare una posizione nella classifica dei like del social di turno, cosa magari non necessariamente nobile, ma peraltro assolutamente non grave.
Indubbiamente parliamo di un nuovo idioma, le cui parole sono i contrasti e i colori caldi delle immagini e la cui punteggiatura è l’ironia ad esse spesso associata.

Tuttavia non tutti gli autoscatti possono essere positivi, né tantomeno sicuri.
Tuo figlio deve conoscere la differenza tra uno scatto innocente e uno potenzialmente pericoloso o inappropriato.
Ecco alcuni spunti da condividere:

  • Evita di fornire indicazioni su dove ti trovi: come per tutte le foto fatte per i social media, bisogna stare attenti a non rivelare dettagli che possano permettere ad un malintenzionato di capire dove tuo figlio vive, va a scuola o dove si trova in quel preciso istante: il cartello di una strada o la maglietta del club sportivo locale potrebbero fornire specifiche indicazioni;
  • Verifica che la geolocalizzazione del dispositivo sia disattivata: in questo modo eviterai che ad ogni foto pubblicata vengano associate le coordinate di longitudine e latitudine;
  • La geolocalizzazione (in inglese geotagging) è la modalità che permette (generalmente in automatico, una volta che si è approvata inizialmente) di far sapere agli altri il luogo esatto dal quale si sta postando o scattando una foto.
  • Il valore di questa restrizione deve essere ben compreso da tuo figlio: rivelare a tutti la propria posizione esatta potrebbe abilitare dei malintenzionati ad apprendere le sue abitudini, studiandone i suoi movimenti (la scuola che frequenta, l’oratorio dove si diverte o l’ubicazione della sua casa);
  • Attenzione alla reputazione: ricorda a tuo figlio che postare su Internet significa lasciare un segno indelebile che può avere conseguenze anche nel mondo reale. Con ogni probabilità quelle foto lo seguiranno anche in età adulta e non c’è garanzia che le amicizie e le frequentazioni lavorative future tollereranno scatti equivoci o inappropriati;
  • Non postare mai foto in atteggiamenti promiscui: oltre ad essere sconvenienti, in caso riguardino minori sono puniti dalla legge all’interno dell’impianto legislativo sulla pedopornografia;
  • Non esagerare mai: ricorda a tuo figlio che la moderazione è importante in tutto, anche nella quantità di foto che pubblica – postare continuamente immagini di sé stesso può anche dare l’idea di essere una persona emarginata, disperatamente in cerca di attenzione.
Annunci


Lascia un commento

E’ nato #natiperNavigare

Duecentodiciotto pagine, quarantunomilasettecentonovantasei parole e tante, tantissime notti di scrittura creativa.

Finalmente ci siamo: dopo cinque anni di volontariato, con emozionanti incontri, appassionanti interazioni ed un percorso creato con bimbi, adolescenti, genitori ed insegnanti nasce #natiperNavigare.

Un libro di carta e un e-book per impostare un sano discorso educativo adatto per i tempi moderni, restare sempre al passo con le ultime novità tecnologiche e soprattutto con le modalità migliori per mettere al sicuro i bimbi e gli adolescenti anche nella vita virtuale su Internet.

Sfruttare appieno le potenzialità di condivisione e apprendimento che ci offre la rete Internet è un privilegio, proteggere la nostra famiglia dalle insidie del mondo online è una necessità.

Con #natiperNavigare ti spiego come.

 

Clicca QUI o la copertina sotto per saperne di più.

#natiperNavigare


Lascia un commento

Immagini e video a tempo – il fascino effimero di Snapchat

Ultimamente si parla molto di Snapchat, un servizio che sta spopolando tra i più giovani, e che LaTuaFamigliaInRete-snapchat-logopermette di chattare con testi, foto e video con la particolarità che.. i messaggi si autodistruggono qualche secondo dopo che questi sono stati aperti dal destinatario.

Snapchat non è esattamente una app utilizzata per giocare agli agenti segreti. Piuttosto è attualmente la più popolare app per praticare il sexting, in quanto dà l’illusione che il destinatario fruisca di immagini e video per un lasso di tempo limitato e che poi queste scompaiano. Ovviamente trattasi di una mera illusione.

La sua popolarità è stata confermata alla fine del 2012 quando Snapchat ha raggiunto i due parametri che oggi identificano le app di successo: continue interruzioni di servizio dovute al troppo utilizzo dei suoi sistemi informatici ed un vociferare di una possibile acquisizione da parte di Facebook.

Facebook ha nel frattempo lanciato l’applicazione Poke che possiede caratteristiche simili a Snapchat, ma il servizio non sembra abbia avuto successo. Al contrario pare che il vociferare in rete sull’argomento abbia aumentato la popolarità dello stesso Snapshot.

Come si usa Snapchat ?

Dopo aver scaricato l’app (disponibile per iPhone e Android) e una volta installata il suo funzionamento è semplice: si registra una foto o un video, si associa poi un testo e si aggiunge della semplice arte digitale. Si seleziona quindi il numero di secondi (da 1 a 10) durante i quali il destinatario potrà vedere il messaggio prima che questo si autodistrugga. Infine si indicano i destinatari  e si invia il tutto, rimanendo nell’illusione che il contenuto possa essere visionato esclusivamente dal destinatario, una sola volta e solo per il tempo indicato dal mittente.

In realtà nel mondo dell’informatica non esistono oggetti che si distruggono veramente. Chi lo riceve può infatti banalmente usare la funzionalità di base del sistema operativo del telefonino per fare un’istantanea dello schermo (il cosidetto screenshot) mentre visiona la foto, in modo da conservarsi l’originale. La stessa privacy del servizio ci conferma che l’azienda non può garantire che i messaggi vengano effettivamente cancellati e che quindi gli stessi devono essere inviati a proprio rischio e pericolo.

Questo dettaglio potrebbe sembrare solo piccolo capriccio, in fondo non è grave se un contenuto può essere duplicato e distribuito contro il mio volere. Dipende però dal contenuto.

Diamo un’occhiata alle foto ufficiali che pubblicizzano l’app:

LaTuaFamigliaInRete-snapchat-4 LaTuaFamigliaInRete-snapchat-3 LaTuaFamigliaInRete-snapchat-2

Mostrano immagini che non lasciano dubbi su quale sia l’audience di riferimento: adolescenti.

Se guardiamo anche la descrizione di iTunes ci accorgiamo che l’app è vietata ai minori di 12 anni e che viene etichettata come possibile veicolo di contenuti sessuali e di nudità.

Ebbene, Snapchat è famosa e temuta per essere una delle più popolari app per attività di sexting.

LaTuaFamigliaInRete-snapchat-1

Purtroppo non ci sono tecniche particolari di protezione – non è possibile mettere sotto controllo questa App. L’unica tecnica è quella di condividere con i ragazzi il fatto che non è vero che i contenuti spariscano dopo qualche secondo. Perdere il controllo sulle proprie immagini può portare a ledere seriamente la loro reputazione e provocare gravi conseguenze all’interno delle loro dinamiche sociali.

Inoltre fate loro notare che il profilo di ogni utente è pubblico. Non solo: viene indicato in tempo reale la classifica dei tre contatti a cui mandano più snap.

Ve ne riportiamo uno preso a caso:

LaTuaFamigliaInRete-snapchat-5

Ecco, magari sapere che tutti possono leggere liberamente quali sono le persone a cui si mandano più messaggi potrebbe rappresentare agli occhi di un adolescente un deterrente addizionale all’utilizzo di questa app.

Forse questo post si autodistruggerà tra 10 secondi, ma gli snap dei tuoi ragazzi sicuramente non lo faranno.


Lascia un commento

Una wifi con i fiocchi

Wi-Fi.

Un termine entrato a far parte del parlare comune, tanto che oggi la usiamo sia a casa che fuori.

Eppure, una quindicina di anni fa, non era ancora stata inventata.

Nonostante questa tecnologia sia davvero tanto diffusa, la conoscenza sulla sua sicurezza lo è meno.

Infatti, spesso chi compra un access point, l’oggetto che ha il compito di diffondere la connessione Wi-Fi, si aspetta che questo, una volta scartato e acceso, sia configurato e funzioni con la massima protezione possibile.

Purtroppo questo non è sempre vero. In verità quasi mai: i produttori infatti sono costretti a settare l’accesso Wi-Fi con le impostazioni più comuni per i dispositivi, che spesso accettano solo connessioni con criptografia di sicurezza bassa: stiamo parlando della criptografia WEP o addirittura dell’accesso senza crittografia. Entrambe queste modalità possono compromettere la propria sicurezza e la propria privacy.

La criptografia più evoluta e sicura è di tipo WPA o WPA2, quindi ti invito a verificare da subito sul tuo access point quale sia la modalità impostata.

Perché vogliamo che la Wi-Fi di casa sia sicura?

Intanto vogliamo evitare che qualche malintenzionato si colleghi alla tua rete di casa e la sfrutti per condurre attività illegali: in caso di indagini da parte della Polizia la persona su cui si concentreranno i sospetti sarà infatti il proprietario della connessione di rete, non chi l’ha usata illegalmente.

Vogliamo anche evitare che questo qualcuno spii la tua rete di casa per carpire password e traffico che descrive le attività nella rete domestica e conseguentemente possa essere in grado di accedere a informazioni personali e simulare accessi alla rete con le tue credenziali.

E come fanno i malintenzionati a collegarsi alla nostra Wi-Fi domestica?

Semplice: si mettono fuori i muri di casa e si agganciano alla bolla di trasmissione.

La pratica di intercettare reti Wi-Fi, gironzolando a piedi o in automobile, con un pc ed un ricevitore GPS per registrare l’esatta localizzazione geografica, si chiama wardriving.

Questa attività non è di per sé un reato – è l’equivalente di sbirciare un giardino al di là di una siepe.

Se il proprietario vuole evitarlo, infoltisce e alza la siepe. O costruisce un muro. Nel nostro caso protegge la rete. A quel punto chi la viola commette reato.

Mai lasciare quindi la Wi-Fi di rete senza una protezione adeguata.

Una connessione aperta equivale a lasciare la porta di casa spalancata: rischiamo di far entrare malintenzionati e di non saperlo.

In pochi sanno che la connessione protetta col protocollo WEP, la modalità utilizzata dalla maggior parte delle configurazioni standard degli access point casalinghi italiani, corrisponde ad una siepe che permette a chi si alza in punta dei piedi di guardare facilmente quello che succede nel tuo giardino di casa: è talmente debole che è possibile risalire alla sua password in qualche minuto!

Lasceresti giocare tuo figlio nel giardino sotto casa sapendo che può esserci un malintenzionato sul marciapiede di fronte, il quale prende nota di dettagli, nomi e relazioni, modi di fare, preferenze e attitudini?

Il protocollo WEP è ESTREMAMENTE insicuro. Per ottenere una chiave WEP bastano un comune pc, uno sniffer e pochi pacchetti da analizzare. In rete si trovano facilmente tutti gli strumenti e le guide necessarie a ottenere in pochi minuti una qualsiasi chiave WEP alfanumerica di lunghezza variabile. Non è un problema di password, è proprio una vulnerabilità del protocollo di sicurezza. Chiunque può essere in grado di farlo – non serve essere un hacker.

Ti consiglio senza dubbi di utilizzare il più sicuro protocollo WPA.

Questo protocollo di sicurezza è stato introdotto per arginare la grave insicurezza del WEP, e in effetti è sufficientemente sicuro da permetterci sonni tranquilli.

Ci sono ulteriori tecniche che è possibile attuare per rendere il tuo network di casa ancora più sicuro (ad esempio disabilitare il DHCP, filtrare gli indirizzi MAC), ma queste portano con sé degli svantaggi, parecchia non praticità e credo che il gioco non valga la candela.

Ma allora perché i router wireless non usano direttamente il WPA?

Nonostante il WEP sia obsoleto, non tutti i dispositivi supportano ancora la criptografia WPA.

Occorre quindi verificare se i dispositivi che avete a casa supportino la ricezione dei dati in WPA e nel caso attrezzarsi affinché anche la catena di trasmissione parli la stessa lingua.

Sarebbe qui impossibile elencare i dispositivi che non supportano WPA e descrivere poi i passi per configurare il tuo Wi-Fi con modalità WPA – i dispositivi sono ormai di molteplici tipologie ed ognuno di essi può o meno avere la possibilità di collegarsi ad una rete WPA. Inoltre gli access point in circolazione sono tantissimi e nelle più disparate forme ed ognuno di essi si configura a modo suo. Verifica che i tuoi dispositivi casalinghi supportino il WPA e nel caso fai riferimento al manuale dell’access point o a qualcuno che ne sa più di voi per attivarlo immediatamente.


Lascia un commento

Il gioco delle tre identità

Il concetto di identità era, un tempo, un concetto semplice e lineare. Difatti ogni persona aveva due identità: una personale e una sociale.

La sua identità personale derivava dalle caratteristiche intrinseche che la rendevano unica – fisiche, di attitudine e di comportamento.

La sua identità sociale, invece, si formava grazie ai contributi di chi gli stava attorno: gli amici, i familiari, i conoscenti.

Questi membri della comunità rispondevano e reagivano rispetto alle peculiarità della sua identità personale, cioè interagivano a seconda di come la persona si vestiva, si atteggiava e si relazionava con gli altri.

Poteva cambiare la sua identità personale variando il modo di vestire, le parole che usava o il proprio comportamento; poteva anche modificare quella sociale, scegliendo di frequentare persone diverse o mutando il suo status convolando a nozze o intraprendendo una specifica carriera lavorativa.

Ovviamente in entrambi i casi c’erano dei limiti e certamente alcune epoche e società diverse erano più o meno favorevoli ai cambiamenti.

Nell’era industriale, con l’avvento delle grandi città, è stato poi più semplice cambiare identità: si poteva interagire con molte più persone e quindi avere più scelta sulle proprie identità e bastava cambiare città per ricominciare da capo. Si era tutti un po’ più anonimi e all’occorrenza ci si poteva facilmente ricostruire una storia e una reputazione.

Poi è arrivato Internet, l’internet che conosciamo, e si è complicato tutto.

Alle due identità sopravvissute per secoli se n’è aggiunta una terza: l’identità virtuale.

Questa nasce quando ad un ragazzo è finalmente dato il privilegio di frequentare il mondo online, e da lì lo accompagna indefinitamente. Inizialmente si tratterà di una identità che ha molti tratti in comune con l’identità personale. Questa onestà intellettuale tuttavia potrebbe non durare per sempre: molti ragazzi esprimono in linea una personalità diversa da quella che hanno dal vivo.

Ci sono molti ragazzi timidi e introversi che si trasformano in piacevoli capolavori di saggezza, in grado di dispensare consigli e raccomandazioni a tutte le età e su tutti gli argomenti. O al contrario esistono ragazzi divertenti che in linea si trasformano in perfidi e odiosi saccenti, o semplici osservatori passivi delle dinamiche altrui.

L’identità virtuale è particolare per molti aspetti: intanto può essere anonima e, con l’illusione dell’impunità, portare alla trasformazione di alcuni aspetti comportamentali.

Inoltre, grazie all’abbassamento della soglia delle inibizioni, anche in assenza di particolari artifici, può trasformare una persona completamente – può addirittura arrivare ad essere pungente e sfrontata, o semplicemente profonda e diretta, nel bene e nel male, anche quando nella realtà non lo è.

Inoltre la platea in ascolto è potenzialmente vastissima: un blog in linea può essere letto da chiunque, un commento su un sito di un politico può arrivare a tantissime persone con un singolo click e la foto della propria casa può raggiungere facilmente numerosi occhi indiscreti.

Soprattutto – l’identità virtuale può essere molteplice, ed ogni istanza possedere le sue caratteristiche.

Devo dire che molti dei nostri ragazzi non hanno per fortuna l’impeto di creare identità parallele: cercano di essere loro stessi. In caso contrario occorre agire subito cercando di capire se è un gioco innocente o lo sfogo di un disagio, consultando eventualmente uno specialista in materia.

Tieni presente che la rete dei loro contatti reali, un sottoinsieme solitamente corposo della totalità di quelli virtuali, tende a minimizzare e criticare comportamenti e dichiarazioni difformi ed eccessive da quelli reali e attribuibili al singolo tramite il meccanismo delle interazioni sociali in linea: spesso ad ogni azione del singolo, corrisponde una reazione dell’audience – un ragazzo ci pensa solitamente due volte prima di “postare” un commento o una dichiarazione che potrebbe generare una reazione a catena tra i suoi sostenitori.

Paradossalmente, questa terza identità moderna “segna” le persone nel tempo a tal punto che di fatto frena eventuali cambi di identità sociali e personali: chi cambia luogo e modi si porta comunque dietro una storia. Raramente un ragazzo che trasloca azzera il suo profilo in linea per ripartire da zero, anzi esso rappresenta una sorta di impronta digitale della propria essenza, che viene quindi preservata.

Il mio consiglio personale è quello di avvicinarsi alle identità virtuali dei ragazzi tanto quanto basta (senza abusarne, non essere spia che fa il doppio gioco!) per verificare che abbiano il buon senso dell’equilibrio in ciò che dicono e ciò che fanno, ovviamente commisurato con la loro età.

Conoscere la loro terza identità sarà istruttivo, bello e divertente!

Tieni presente che i ragazzi di oggi condividono in linea molto più di ciò che dal vivo facevano i loro coetanei anche solo dieci anni fa. Il diario segreto di una volta si è trasformato in una personale enciclopedia pubblica, anzi fatta per il pubblico. Qualunque esso sia e senza che neanche l’autore se ne accorga.

A volte però i ragazzi esagerano, e non parlo solo della condivisione delle informazioni personali a tutto il mondo – pratica sbagliata e sottovalutata da tutti.

Parlo della normale educazione dell’apparenza. Per capire ciò che intendo, e soprattutto per farlo capire ai tuoi ragazzi, investi qualche minuto per un gioco inusuale: cerca su Internet un profilo di Facebook particolarmente piccante o imbarazzante, ma non troppo – non avrai che l’imbarazzo della scelta.

Basterà il profilo di un compagnetto di scuola, oppure quello di un coetaneo sconosciuto – ce ne sono davvero tanti aperti a tutti. Parolacce, allusioni, offese piuttosto che informazioni personali, frasi ad effetto o profondissime espressioni emozionali sul proprio stato d’animo.

Scrivete su più fogli le frasi che colpiscono di più.

Appendete assieme i fogli su una maglietta bianca con delle spille da balia e solo quando avrete finito chiedi a tuo figlio con voce solenne di uscire di casa. Osserva la sua reazione: il livello di accondiscendenza nel fare questo gesto può servire a entrambi – basta l’intenzione, la reazione impulsiva, e non è necessariamente detto che si debba uscire per strada!

Servirà a te per capire a quale livello si attesta il meccanismo di difesa della reputazione nella testa del tuo ragazzo, servirà a lui per capire quanto possa essere imbarazzante condividere liberamente e senza inibizioni ciò che ci passa per la testa.

La sua terza identità ed il modo in cui la costruisce, la difende e la evolve sono tutti elementi utili e interessanti per conoscere meglio il tuo ragazzo e per guidarlo, ove necessario, nel costruire tale terza identità in maniera appropriata e consona alla sua età.